Passa ai contenuti principali

Ponza - Grecia


Ponza, baia di Lucia Rosa, un lunedì di fine settembre.
Duna ondeggia placida assecondando il refolo di grecale che ogni tanto scivola giù dalle pareti a picco. Io, imbrogliate da un pezzo le vele, siedo in pozzetto ad ascoltare i fringuelli duettare dal boschetto di pini là sulla cresta.
La baia, a parte me, è deserta.
Siedo in pozzetto, vino bianco greco, ghiacciato, nel bicchiere, patatine comprate a Castellammare in grembo, indeciso se perdermi nel fruscio delle onde che carezzano la spiaggia, nelle sfumature colorate del tramonto, nelle ombre che avanzano lievi a coprire le rocce, il mare, me e la mia Duna, o seguire l'impulso - la necessità quasi - di scrivere.

Ponza, l'isola che accompagna i miei viaggi per mare. Qui mi sono riposato a giugno, dopo una traversata volata sulle ali di un maestrale rabbioso, qui mi riposo ora, atterrato a Chiaia di Luna dopo una notte terzarolato col grecale il poppa. Viaggiare a vela è anche avere la pazienza di aspettare il vento giusto, e la forza di mollare gli ormeggi quando arriva il momento.
Su quest'isola il cerchio meravigliosamente si apre e si chiude ogni anno, regalandomi insospettabilmente i momenti migliori. O forse sono gli estremi temporali di un viaggio per mare ad essere insospettabilmente meravigliosi, di quella dolce ed amara meraviglia che nasce dalla consapevolezza di essere in un luogo conosciuto ed accogliente diretti verso l'ignoto, partendo, e di sostare, ospiti, nell'ultimo angolo di paradiso prima della cosiddetta "vita civile", caratterizzata sostanzialmente da fretta contronatura, traffico e scarpe chiuse, al ritorno.

Ponza un lunedì di fine settembre. Venti lievi mi hanno accompagnato lungo la costa. Sole caldo, tanto da invogliarmi a un tuffo nelle acque azzurre e a nuotare sospeso nel blu a sei metri dal candido fondale sabbioso. E io che mi ero soffermato, a Port Leone, ad assaporare le sensazioni di quello che pensavo fosse l'ultimo, splendido, indimenticabile bagno della stagione: fortunatamente mi sbagliavo. Poche barche, 5, forse 6. L'ultima salpata verso il sole morente neanche mezz'ora fa.
Pochi coatti, per di più atipici, come la moto d'acqua calata a mare dalla goletta qui nella baia, con cui l'ultimo rampollo della nobile famiglia romana ha stupito per due ore i parenti riuniti sulla tuga. "Perché non vai in spiaggia?" li sentivo suggerire, ma lui no, ore di sgommate intorno al due alberi: "Ci sono già stato, ora guardate questo".
Ma anche loro sono andati, sul presto, portandosi dietro il loro rampollo annoiato, ed è rimasto il silenzio trafitto dai grilli, e il fruscio delle onde sulla spiaggia, e il tramonto con le sue sfumature che non mi stancherò mai di ammirare. E il mare, tanto mare, che di là di Palmarola si stende infinito verso ovest, oltre la Sardegna, oltre Gibilterra.
E i miei sogni, cullati dalle onde gentili, spinti dalla brezza in un dolce lasco, oltre l'orizzonte.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione. 
Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data io ieri pomer…

Conavigazione 2017

Come sapete, lo scorso anno ho inaugurato il progetto di conavigazione (qui il link), messo in atto poi con un discreto successo e molta soddisfazione.

I vecchi e i nuovi amici venuti a bordo non solo si sono trovati bene, non solo continuano a salutarmi, ma mi hanno già contattato per conoscere la rotta di questa estate e provare a raggiungermi. Alcuni sono stati coprotagonisti delle avventure narrate nel mio ultimo libro e, sorprendentemente, non hanno avuto di che lamentarsi né di quanto da loro vissuto né di come lo ho raccontato.

Date le premesse, mi sembra naturale riproporre anche quest'anno la stessa formula di imbarco e condivisione. Qui sotto provo a sintetizzare la rotta finora più probabile. La affinerò via via in base alla vostra partecipazione, al meteo effettivamente incontrato e alle mie curiosità del momento.

La navigazione comincerà i primo di giugno da Poros. Non c'è una data precisa perché dal 2 al 5 il cantiere che ospita la Duna sarà fermo per una festa reli…

Il circo - seconda parte

Da leggere, stupiti, precipitosamente dopo la prima e poco prima della terza, quella tosta.
Sono le otto e mezza adesso, il sole appena sbocciato intiepidisce coi suoi generosi raggi il porto, le barche, la banchina e il grazioso paese adagiato lungo la collina come una molle fanciulla sul divano del salotto buono della nonna. Al centro del porto sono già tre le barche che danzano leggiadre in stretti cerchi concentrici cercando di districare le rispettive ancore dalle reciproche catene. Sento le loro urla da qui. Quand'ecco un piccolo Bavaria con due persone a bordo. Alla crocetta di sinistra ha, nell'ordine, le seguenti bandiere: olandese, inglese, italiana, francese, austriaca. Mi interrogo sul loro significato, o meglio sul significato delle poche mancanti, mentre annoto che, a poppa, una sbiadita bandiera tedesca tradisce l'origine del misterioso oggetto galleggiante. Le due persone a bordo non le inquadro subito, sono occupato a far loro cenno di sfancularsi a destra del…