Passa ai contenuti principali

Follow by Email

L'essere, il non essere e il chissenefrega



La Duna è ben incastrata tra due barche più grandi di lei. Del resto in questa tiepida sera di Kalamos né vento né risacca vengono a disturbarla. Il piccolo porto è ora gremito di charteristi che si pettinano l'un l'altro sulle prue degli scafi a pacchetto, come tanti scimpanzé impegnati nel grooming serale. Sono quasi pronti ad affollare la piazzetta in cui George ha già imbandito le lunghe tavolate, e a tornare indietro barcollando, ubriachi, a tarda sera, precipitando in mare nel tentativo maldestro di riconoscere la propria barca nel mucchio informe che ingombra la testa del molo di sopraflutto.
Noi siamo arrivati stamattina, dopo aver messo alla cappa nel ridosso delle alte montagne dell'isola per tuffarci nelle acque turchine, fresche e vive. Il porto deserto, George che ci accoglie come fosse uscito dal portolano che descrive fedelmente ogni suo gesto e ogni sua parola, il pranzo alla taverna, ombra e birra fresca.
La notte l'abbiamo passata a Port Leone, poche miglia a ovest. Anche lì siamo arrivati in grazia degli dèi, e chi c'è stato sa cosa intendo, dato àncora e annodato le cime di poppa ai vecchi ulivi sotto cui pascolano le capre, passeggiato tra le rovine. Anche qui calata la sera, all'ora in cui è ormai troppo tardi per ripensare l'ancoraggio, un branco di catamarani guidati a distanza da un capo armato di megafono ha occupato la rada. I cuccioli si contendevano il tender con cui sollevare onda, i giovani inciampavano sulle rocce della spiaggia nel vano tentativo di simulare una gassa attorno ad un tronco o a uno scoglio, i grandi urlavano indicazioni in russo, nel caso noialtri comuni viaggiatori non avessimo capito di essere ormai ospiti nel loro territorio di caccia e accoppiamento.
Finito il rito dello sbarco e di annessione dei nuovi pascoli, vai coi generatori di corrente. Perché la vela fa figo, ma il motore è più veloce; il campeggio nautico fa avventura, ma in camper è più comodo; le rade deserte sono romantiche, ma che palle questo insolito silenzio; l'estate in Grecia fa tendenza, ma perdío con questo caldo la vodka scende giù male, accendi quel condizionatore.
A mezzanotte esco in pozzetto e gli urlo in faccia. Spengono.

La fortuna di noi viaggiatori, noi che possiamo permetterci il lusso di non dover portare indietro tra cinque giorni esatti il nostro oggetto galleggiante dotato di un inutile palo inspiegabilmente piantato nel mezzo (che se fosse orizzontale sarebbe buono per appendere i costumi ad asciugare, ma così proprio non ha senso), è che la mattina non ci sentiamo in obbligo di macinare miglia per andare ad inquinare oltre i confini del mondo conosciuto. Così possiamo godere del momento magico in cui le orde sono in trasferimento e la rada è nuovamente deserta, quello in cui il baretto abusivo non ha ancora acceso - tra le case diroccate dal terremoto - il falò nel grande lavatoio in cui ha accumulato la plastica e la mondezza prodotta la sera precedente (quando sullo stesso falò sfrigolavano le bistecche per i russi), quello in cui tutto è vergognosamente bello e un tuffo tra le gemme che i raggi del sole disegnano nelle acque della baia ripaga ogni possibile delusione notturna.

Ora, qui a Kalamos, le ombre della sera scivolano da oriente a chiudere il cielo. Sulla barca a fianco una madre e due figlie ben pasciute parlano di pedicure con accento padano mentre si fanno belle per la prossima notte spremendosi vicendevolmente grossi brufoli succosi. Io mi godo in silenzio il momento, il chiacchiericcio, l’amena umanità, l’assurdità della situazione, il grottesco della vita. L’essere il non essere e il chissenefrega. La mia birra è sopravvento, non corro rischi.
Lo sguardo va oltre la passerella, attraversa il molo, sale lungo il basso frangiflutti, si ferma su una figura seduta. Mi perdo a contemplare Manu che, avvolta nel crepuscolo, si è persa a contemplare la luna, alta sulle antiche montagne della sua Grecia.


Commenti

  1. Molto bello Carlo, ti faccio i miei complimenti per come riesci a descrivere la situazione, ma soprattutto a come vivi l'andare per mare, la mentalità non è poi molto diversa dalla mia! Sempre cosi! Buon vento!! ;)

    Stefano

    p.s. vieni a farti un giro sul mio diario di viaggio se vuoi! http://piratidellafenice.wordpress.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :)

      P.S. dovrei essere riuscito ad "abbonarmi" al tuo blog ;)

      Elimina
  2. aho' ma 'sta Grecia e' piena di zozzoni? mejo ladispoli...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bono ciccio, che Ladispoli la conosco e nun me ce freghi... :P

      Elimina
  3. ahhhhhhhhh ........... i foruncoli succosi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mentre correggevamo la bozza proprio a te pensavamo ("alla storia dei foruncoli Luciano si sganascia!") :-D

      Elimina
  4. Sempre grande Carlo! complimenti e grazie per le emozioni che ci fai rivivere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo buono! E non vedo l'ora di viverne di nuove, di conserva :)

      Elimina
  5. Ecco.... ritorna il profumo dell'estate, il sapore del mare, la Grecia, ma soprattutto la Vela!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione.  Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data

Improbabilità infinita

La Heart of Gold si stava avvicinando al punto cruciale del suo viaggio interstellare. Di lì a pochi minuti sarebbe stata risucchiata dalla forza di gravità e sparata a tutta velocità attraverso il canale centrale della nebulosa fino allo spazio libero, vuoto e sicuro che la separava dalla sua destinazione finale. Aveva poco tempo, perché il flusso gravitazionale, ora favorevole, si sarebbe invertito in meno di un’ora. Ai comandi, Arthur scrutava con attenzione le orbite degli asteroidi più vicini, quando Trillian esclamò proccupata: “C’è un oggetto in rapido avvicinamento dietro di noi”. Il computer anticipò le loro intenzioni proiettando sullo schermo principale l’immagine di un’astronave tozza, sgraziata, grigia. “Arthur: è un’astronave Vogon!” “Sì, ma non stanno certo cercando noi...” “Invece si avvicinano, mi sembra facciano segnali…” “Stanno aprendo un portello… Dio quanto sono brutti!” “Cosa vorranno? Non recitarci una poesia, spero” “Se dovessero solo minacciarlo,

Intermezzo tecnico

"Il tuo fiocco piccolo andrà benissimo per quando Lui arriverà",  mi diceva premuroso Nicola. "Ti invidio la tua trinchetta", la gentile Francesca. E noi con il fiocco piccolo e due mani alla randa, ancora spaventati per la sventolata presa tra capo e collo a Kea, ad aspettare Lui. Vedendo gli altri intorno a me veleggiare incuranti con tutta la tela a riva, sorridevo tra me e me, li consideravo stolti, celando l'invidia segreta per le loro vele avvolgibili - il garroccio è una scelta di vita di cui andare orgoglioso, soprattutto quando i soldi per il rollafiocco non li hai - finendo in entrambi i casi col compatirli perché prima o poi sarebbe arrivato Lui, e avrebbe fatto piazza pulita di tutti coloro che Gli mancavano di rispetto prendendola con tanta allegria. Quanto ero serio, io, e quanto mi sentivo figo con il mio fazzoletto ingarrocciato, che mi spingeva a quattro nodi quando il vento sparava la schiuma via dalle onde e mi costringeva a smotorare q