Passa ai contenuti principali

Me, Myself & my Boat



Il sole è alto nel cielo, quando accostiamo decisamente a SSE nel canale tra Calasetta e Carloforte. Il vento è teso, accelerato forse dal passaggio tra le due isole. Proseguiamo al lasco in un mare nervoso.
L'uscita dal porto è stata rocambolesca. Ormeggiato col vento al giardinetto di sinistra, decido inizialmente di assecondarlo accostando a dritta, per poi uscire in retromarcia. Tutto bene sulla carta, ma nella realtà sottostimo lo scarroccio - forse scottato dalle brutte esperienze passate con la barca da lavoro a motore, in alluminio e con un bel fly bridge - e l'effetto evolutivo dell'elica destrorsa: sono timoroso e ingrano la retromarcia in anticipo. Prima di avere manovrabilità mi sono avvicinato troppo alla barca alla mia sinistra e finisco col timone sulla sua cima di ormeggio. C'è da dire che le cime di ormeggio, qua a Calasetta, vengono giù quasi parallele al pelo dell'acqua, lasciando libero un esiguo passaggio di pochi metri, al centro del canale.  In ogni caso mi sono fermato con la pala del timone sul cavo del vicino, il motore in folle per non fare danni, ho pazientato fino a quando il vento non mi ha riportato di fronte all'ormeggio dal quale ero uscito, e ho scelto le maniere forti, ruotando a forza la barca su se stessa a colpi di marcia avanti e marcia indietro, il timone scontrato a dritta.
A parte la fumata bianca più adatta ad un'elezione papale che ad una manovra in porto (il motore è quello che è, ma funziona e me lo tengo) il risultato è raggiunto.
I vicini, quelli di dritta - la barca a sinistra era incustodita - non hanno commentato. Il loro sguardo, ieri vagamente strafottente mentre fissavano senza salutare la nostra barca vecchietta e accroccata, era impegnato altrove. Stamane sul presto, infatti, uno dei maschi beta ha fatto il pieno d'acqua infilando la manichetta nel buco sbagliato. Vacanza finita, immagino. E forse, a giudicare dalle urla che ne sono seguite, anche l'amicizia col maschio alfa.
Siamo quindi usciti da quello che chiamare porto è esagerato: niente rivendita di carburante, niente accessori nautici, liti in banchina per acqua e corrente elettrica - pochi allacci e noi gli unici tra i diportisti ad avere riduttori e prolunghe.
Siamo riposati ma non troppo: negli ultimi giorni il vento è stato un pelino oltre il piacevole, i ridossi pochi e mal segnalati, la navigazione in prossimità di scogli e secche. Certo, le secche del canale di San Pietro non danno fastidio a una barca con appena 2 metri di pescaggio, ma risulta difficile accettarlo emotivamente mentre navighi appena sopra le rocce, bianche nel nero dell'acqua attorno, con l'impressione di poterle quasi toccare appena immergendo il piede, il mare mosso, a tratti frangente. E due giorni dopo esser finiti per idiozia su uno scoglio sommerso.
Stiamo navigando con la randa terzarolata, la mano è ancora quella presa ieri, in attesa di valutare il vento all'esterno per decidere che vela alzare a prua . Appena in rotta salto su pimpante ad ingarrocciare il fiocco grande (tecnicamente il fiocco uno) e ritorno in pozzetto per alare la drizza. Mi sento parecchio sportivo stamattina, e scendo dalla tuga con un agile balzo. La barca lo prevede, è più lesta di me e, in controtempo, scoda quel tanto che basta per farmi atterrare con lo stinco destro sul carrello della randa. La testa della vite di acciaio dello stopper penetra fino all'osso, con un buco netto. Il sangue quasi non c'è: se non fosse per un grumo di tessuto interno, di quelli che mai dovrebbero vedere la luce del sole,  che fa capolino come un paguro, e per il dolore che comincia a salire, sembrerebbe quasi non sia successo niente.
Ovvio la colpa è la mia, non si salta in barca. Ma il motivo per cui non mi lamento è soprattutto un altro. Lo so che è stata lei a colpirmi: erano giorni che aspettava il momento per farmi capire come ci si sente ad urtare qualcosa di duro e stabile e invincibile. Anche se il danno esterno sembra trascurabile, si è improvvisamente e definitivamente violati. E fa male dentro. Così, dopo questo scambio di cortesie, io e la mia barca siamo ancora più intimi.

Commenti

Post popolari in questo blog

La randa rollabile

Una storia che non parla della randa rollabile, della quale non mi frega assolutamente nulla. Però ho attirato la vostra attenzione. 
Sono in bagno quando Roberto mi chiama per la prima volta. "Carlo vieni su a vedere" mi fa, con quel tono di voce che sottintende "Non è urgente ma non metterci troppo". Io mi asciugo di corsa le ascelle e salgo, in mutande e canottiera di lana. La canottiera di lana mi serve ormai da una settimana per proteggermi dal meltemi di fine settembre, insieme al cappello dello stesso materiale e alla cerata quando siamo in navigazione verso nord, cioè tutti i giorni; Roberto è il conavigatore che ha scelto volontariamente di attraversare insieme a me, contovento, l'intero Egeo dal Dodecaneso al golfo di Atene.  Il mio conavigatore mi indica al di là della nostra prua. La barca inglese che stanotte è riuscita non so come a infilarsi tra noi e la spiaggia - non pensavo fosse possibile dare ancora più in là di dove l'ho data io ieri pomer…

Conavigazione 2017

Come sapete, lo scorso anno ho inaugurato il progetto di conavigazione (qui il link), messo in atto poi con un discreto successo e molta soddisfazione.

I vecchi e i nuovi amici venuti a bordo non solo si sono trovati bene, non solo continuano a salutarmi, ma mi hanno già contattato per conoscere la rotta di questa estate e provare a raggiungermi. Alcuni sono stati coprotagonisti delle avventure narrate nel mio ultimo libro e, sorprendentemente, non hanno avuto di che lamentarsi né di quanto da loro vissuto né di come lo ho raccontato.

Date le premesse, mi sembra naturale riproporre anche quest'anno la stessa formula di imbarco e condivisione. Qui sotto provo a sintetizzare la rotta finora più probabile. La affinerò via via in base alla vostra partecipazione, al meteo effettivamente incontrato e alle mie curiosità del momento.

La navigazione comincerà i primo di giugno da Poros. Non c'è una data precisa perché dal 2 al 5 il cantiere che ospita la Duna sarà fermo per una festa reli…

Il circo - seconda parte

Da leggere, stupiti, precipitosamente dopo la prima e poco prima della terza, quella tosta.
Sono le otto e mezza adesso, il sole appena sbocciato intiepidisce coi suoi generosi raggi il porto, le barche, la banchina e il grazioso paese adagiato lungo la collina come una molle fanciulla sul divano del salotto buono della nonna. Al centro del porto sono già tre le barche che danzano leggiadre in stretti cerchi concentrici cercando di districare le rispettive ancore dalle reciproche catene. Sento le loro urla da qui. Quand'ecco un piccolo Bavaria con due persone a bordo. Alla crocetta di sinistra ha, nell'ordine, le seguenti bandiere: olandese, inglese, italiana, francese, austriaca. Mi interrogo sul loro significato, o meglio sul significato delle poche mancanti, mentre annoto che, a poppa, una sbiadita bandiera tedesca tradisce l'origine del misterioso oggetto galleggiante. Le due persone a bordo non le inquadro subito, sono occupato a far loro cenno di sfancularsi a destra del…